sabato 13 novembre 2010

Il male

Tu che puoi scegli il male. Il bene non porta a nulla di "buono".

Impulsi elettrici, così si risolve il funzionamento del nostro corpo, una macchina non troppo diversa da un androide. Qualcosa non chiude l'equazione, alcune dinamiche della mente sono tutt'ora sconosciute, ad esempio quale processo chimico provoca la malinconia?

Devo raccontarvi qualcosa di me. Sono nato dalla morte, mia madre morì durante il parto, mi ha concesso in dono la vita a tutti gli effetti, ma anche se può sembrare un gesto bellissimo ora mio padre vive nell'ombra. Da quel momento ha abbandonato la ragione, si aggira sulla terra come un'anima nel purgatorio, privato delle emozioni solo alcol droghe e troie lo tengono in vita.

La storiella triste della famigliola infelice che cerca il riscatto, balle, non c'è alcuna grazia per me. Me la sono sempre cavata da solo, non ho mai cercato scorciatoie usando la mia condizione, non ho mai voluto la misericordia.

Il mattino è affascinante, mi piaceva l'idea di iniziare nuovamente, altre sfide altra gente altra vita, ma non questa mattina, al risveglio non ero solo. La camera si presentava vuota ed arredata come sempre anche se dentro di me qualcosa è cambiato. Vi prego insegnatemi nuovamente a vivere, sono un taxi che porta un oscuro passeggero senza meta. Come una tenia si nutre delle mie emozioni, banchetta con  la mia anima defecando  il seme del mal di vivere.

Mamma, mi domando se ti sia stata concessa la grazia negandoti l'agonia della vita.

Come ragiono? Sono forse rassegnato alla vita?

Oh Madre illumina il mio cuore non voglio che il tuo sacrificio sia vano, la morte ha tentato la mia adozione alla nascita, ora non temo più il nulla.

Madre ti abbandono non posso più portarti con me, la corsa è finita, è il momento di pagare, va da tuo marito e liberalo dalla sofferenza. Lo so che lo facevi per me, per proteggermi, ma non é insinuando la paura del mondo tra le mie membra che sarò al sicuro. Se i primi uomini non si fossero avventurati alla ricerca di un sostentamento cosa sarebbe stato dell'umanità? Lasciami sbagliare madre, lascia che io cada e mi faccia male, lascia che soffra e che mi rallegri. Voglio iniziare a vivere anche se significa scegliere il male, perché il tuo bene sta soffocando la mia anima.